Redirect 301 vs 302 – Quali sono le differenze?

Redirect 301 o 302? Quali differenze ci sono tra i due tipi di reindirizzamento? Quale usare per le proprie pagine web e che impatto hanno sulla SEO?

Reindirizzare le pagine web di un sito web è una pratica spesso utilizzata dai webmaster per differenti fini e strategie. Prima o poi, a chiunque lavori nel settore web, capita di dover approntare ed impostare reindirizzamenti (o redirect) di una o più pagine internet, è un fatto inevitabile.

Gli strumenti che abbiamo a disposizione per procedere con i reindirizzamenti sono molti e variano in base alla conoscenza del singolo webmaster.

Tra i più comuni tipi di redirect troviamo sicuramente quelli con codici 301 e 302. Per chi non avesse molta pratica con questi reindirizzamento, potrebbe risultare difficile scegliere per le proprie pagine, anche se fondamentalmente c’è un grande “abisso” tra i due.

Se fai parte di questo gruppo, questa guida ti aiuterà a scegliere con facilità in base alle tue esigenze e a non commettere errori.

Redirect 301 o Redirect 302?

Cos’è un reindirizzamento tra pagine?

Prima di vedere le differenze tra un redirect 301 e un redirect 302, vediamo cos’è effettivamente un reindirizzamento.

Come è facile intuire dal nome, un reindirizzamento è una procedura per cui una o più pagine web, in genere di vecchia pubblicazione e obsolete, vengono sostituite da una nuova versione o da tutt’altro genere.

Un vero e proprio cambio di URL, gestito nella maggior parte dei casi dal server apache su cui poggia il sito web.

Il reindirizzamento può essere creato manualmente dal webmaster oppure gestito automaticamente dal CMS.

I motivi più comuni per spingere al reindirizzamento di una pagina possono essere:

  • URL non disponibile;
  • URL rotto (codice 404);
  • Nuovo sito;
  • Nuova pagina;
  • Sito in manutenzione;
  • Sito in aggiornamento;
  • Altro…

Esempio: In un sito e-commerce viene pubblicata una nuova versione di un prodotto, in una nuova pagina dedicata. L’URL della vecchia versione da quel momento in poi, reindirizzerà in automatico al nuovo URL e non sarà più disponibile.

Le differenze

Le differenze tra un redirect con codice 301 rispetto al 302, sta in come deve essere gestito e visualizzato dal server e dai motori di ricerca.

Un codice di stato “301” significa che: Si ha la necessità di reindirizzare permanentemente il sito o una pagina. Probabilmente a causa di errori o di contenuti non più disponibili.

Leggi come creare un redirect 301.

Un codice di stato “302” indica che: SI ha la necessità di reindirizzare temporaneamente il sito o una pagina. Ad esempio a causa di manutenzione o aggiornamento.

Leggi come creare un redirect 302.

Apparentemente le differenze sono facili da capire; in realtà non si fermano qui e dobbiamo scavare un po’ più in profondità.

Il fatto di indicare un redirect permanente o temporaneo, influenza anche il modo in cui i motori di ricerca andranno ad analizzare le pagine interessate. 301 o 302 sono messaggi veri e propri diretti a quest’ultimi.

Con 301 stai ad indicare che le vecchie pagine non dovranno più essere considerate e in breve tempo non verranno più visualizzate nelle ricerche. Dunque gli utenti, i bot e il valore (o parte di esso) della pagina verranno presto trasferiti al nuovo URL.

302 invece, indica che hai intenzione di ripristinare e ripubblicare la pagina originaria. Solo per breve tempo una pagina sostitutiva verrà visualizzata dagli utenti e dai bot, ma non avverrà nessun trasferimento di valore (ranking, page authority…).

Differenza redirect 301 e 302

In base al tipo di reindirizzamento scelto, potresti influenzare anche negativamente la SEO del sito. Perciò usa i redirect con accortezza.

Effettuando un redirect 302, ricorda di ripristinare la versione originale della pagina a tempo debito (consigliamo non più di un anno).

Verifica che le pagine di destinazione siano esistenti. Se i reindirizzamenti riportano un errore 404, potresti essere penalizzato a livello SEO.

Ti è piaciuto l’articolo? Faccelo sapere nei commenti.

Leggi anche: Come reindirizzare un intero sito/dominio ad un altro

Iscriviti alla nostra Newsletter qui e seguici su Facebook per aggiornamenti!


Articoli recenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

CAPTCHA