Personalizzare la modalità manutenzione manualmente – WordPress

Vuoi personalizzare la modalità manutenzione del tuo sito WordPress manualmente senza utilizzare o installare plugin di terze parti e invadenti?

In questo articolo troverai la procedura per personalizzare manualmente la tua pagina della modalità manutenzione di WordPress, che verrà visualizzata nel momento in cui verrà eseguito l’aggiornamento di un tema o di un plugin.

In sostituzione della pagina di default generata automaticamente da WordPress in fase di update dei componenti, potremo sostituirla con una creata preventivamente da noi e totalmente personalizzata, che verrà richiamata in fase di update.

Service unavailable 503 - Pagina di manutenzione di WordPress
Pagina della modalità manutenzione di WordPress generata automaticamente

La procedura non richiede l’aggiunta di plugin esterni, quindi non appesantisce l’intero CMS e non richiede la modifica di altri file esistenti.

Per personalizzare la pagina della modalità manutenzione manualmente non è necessario effettuare un Backup di sicurezza, ma è sempre consigliato.

Personalizzare la pagina di manutenzione

La procedura è lunga e complicata?

La risposta è No! La procedura è molto più semplice di quanto tu possa immaginare. L’unica cosa a cui dovrai dedicare del tempo è alla realizzazione di una pagina HTML/PHP specifica, personalizzata da te che dovrà comparire in sostituzione di quella di default di WordPress.

Devo modificare al codice di WordPress?

Anche qui: No! Il CMS è già predisposto all’operazione e non serve che tu metta mano al codice di programmazione di WordPress.

Infatti se andiamo a spulciare nel file /wp-includes/load.php possiamo visualizzare questa riga di codice:

 The default message can be replaced by using a drop-in (maintenance.php in
 * the wp-content directory).
/.../
	if ( file_exists( WP_CONTENT_DIR . '/maintenance.php' ) ) {
		require_once( WP_CONTENT_DIR . '/maintenance.php' );
		die();
	}

Tradotto: Il messaggio di default può essere sostituito usando un file drop-in che dovrà essere chiamato maintenance.php, contenuto nella cartella wp-content.

Semplificando: Dopo aver creato il file maintenance.php personalizzato e inserito nella cartella specifica (wp-content.php), all’abilitazione della modalità manutenzione (in caso di aggiornamenti), il file di default .maintenance erediterà il codice contenuto in maintenance.php precedentemente creato.

Come si fa?

Come già detto, la procedura per personalizzare la modalità manutenzione di WordPress si esegue in pochi passaggi.

L’unica cosa che impiegherà più tempo è la creazione della pagina dedicata.

Se hai difficolta con l’HTML o CSS consulta il nostro corso, clicca qui!

Aiutati a realizzare la tua pagina HTML con il nostro editor online gratuito di codice.

Procedura

Aggiornamento: A causa di commenti inopportuni da parte di persone (senza la decenza di identificarsi e firmarsi), aggiornerò la procedura e farò in modo che chiunque possa comprendere.

Per far sì che la procedura venga eseguita correttamente, il file chiamato “maintenance” dovrà avere l’estensione .php finale. Tuttavia all’interno di questo file non è importante che ci sia dell’effettivo codice PHP, ma anche del semplice HTML con l’istruzione “Sito in manutenzione”.

La personalizzazione della pagina è compito dello sviluppatore, ma per semplificare lascio un codice HTML di esempio.

Per procedere alla creazione del file maintenance.php:

  • Crea un nuovo file in formato .php e rinominalo, appunto “maintenance.php“. Se non sai come fare, leggi la nostra guida qui.
  • (facoltativo) Inserisci il codice personalizzato, che dovrà essere visualizzato nel momento in cui il sito WordPress andrà in modalità manutenzione. Qui di seguito abbiamo generato per te un codice generico di partenza, copialo ed incollalo nel tuo file.
<!DOCTYPE html>
<html>
<head>
	<title>Sito in manutenzione</title>
        <meta name="robots" content="noindex">
        <meta name="googlebot" content="noindex">
        <meta name="viewport" content="width=device-width, initial-scale=1.0">
</head>
<body>
	<h2>Benvenuto</h2>
        <p>Il sito è in modalità manutenzione quindi è <b>temporaneamente offline.</b></p>
        <p>Ti invitiamo a riprovare più tardi...</p>
        <p> Pagina creata da <a href="www.byte-post.com">BytePost</a></p>
</body>
</html>

Nel codice sono inseriti i meta tag noindex per bloccare l’indicizzazione della pagina dai motori di ricerca, e la visualizzazione responsive della pagina sui dispositivi mobili.

  • Completata la personalizzazione, salva il file e assicurati che il suo nome sia maintenance.php.
  • Esegui il tuo client FTP (es. Filezilla) e collegati al tuo sito web WordPress.
  • Apri la cartella wp-content e importa il file creato al suo interno.
  • Attendi il completamento dell’operazione e chiudi.

Ora hai appena creato il tuo file personalizzato per la modalità manutenzione di WordPress. Verrà visualizzato nel momento di aggiornamenti di plugin e temi.

Come posso verificarlo subito?

È possibile visualizzare i risultati della personalizzazione della modalità manutenzione manualmente, senza dover eseguire un aggiornamento automatico.

Per far ciò, dovrai creare un altro file per simulare l’aggiornamento di un componente. Infatti al momento di un update, WordPress genera un file specifico chiamato .maintenance, con delle istruzioni al suo interno.

Quindi per simulare questa operazione crea un file chiamato .maintenance ed copia il seguente codice PHP all’interno.

<?php
    $upgrading = time();
?>

Salva il file ed importalo nel server, precisamente nella root principale (Insieme ai file wp-config.php o wp-login.php) e attendi l’upload.

Apri il tuo sito e verifica che sia in modalità manutenzione, dovrebbe comparire la pagina personalizzata precedentemente creata.

Esempio di modalità manutenzione di BytePost
Esempio di modalità manutenzione di BytePost

Iscriviti alla nostra Newsletter qui e seguici su Facebook per aggiornamenti!


Articoli recenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

CAPTCHA